Opinion

Più energia alla cooperazione

L'attuale crisi migratoria e gli altri devastanti postumi delle cosiddette “Primavere arabe” illustrano in modo tragico, ma chiaro, la necessità di un nuovo approccio di cooperazione da parte dell’Europa nell’area del Mediterraneo. L’Europa deve urgentemente ripensare le proprie politiche nell’area, al fine di contribuire in modo concreto e sostenibile allo sviluppo economico dei Paesi sud: l’unico vero rimedio strutturale alle attuali problematiche.

By: Date: November 24, 2016 Topic: Energy & Climate

This op-ed was orginally published in Il Sole 24 Ore.

ilsole24ore

Da dove cominciare? Realismo vuole che il primo settore in cui si debba rafforzare la cooperazione sia quello in cui più elevati sono gli interessi di entrambi le parti: l’energia.

L’energia rappresenta più del 50% dell’export della sponda sud verso l’Europa e costituisce un settore chiave di cooperazione sia sotto il profilo economico che sotto quello geostrategico. Questo legame di interdipendenza si andrà quasi certamente rafforzando in futuro, sia grazie alle nuove scoperte di gas naturale avvenute nelle acque del Bacino levantino, sia grazie alle politiche europee di diversificazione degli approvvigionamenti energetici, che sempre più puntano sul Mediterraneo per ridurre la dipendenza del Vecchio continente dal gas naturale russo.

Oltre a questi fattori, bisogna poi considerare che la domanda di energia nei Paesi sud del Mediterraneo continuerà ad aumentare fortemente anche negli anni a venire, in virtù della forte espansione demografica, della crescita delle attività economiche e del progressivo processo di urbanizzazione.

La crescente domanda di energia rappresenta una sfida enorme per tutti i Paesi dell’area, dove i sistemi energetici continuano a essere quasi totalmente basati sugli idrocarburi. Si consideri, per esempio, che più dell’80% della produzione elettrica regionale continua a essere basata su gas, carbone e petrolio, mentre solare ed eolico contano per circa l’1% in aggregato. Su questa base, la crescente domanda di energia comporterà seri rischi macroeconomici ai Paesi importatori di idrocarburi, ma anche a quelli esportatori, dove crescenti stock di gas e petrolio dovranno essere destinati al mercato interno piuttosto che all’export. Tali rischi macroeconomici, infine, sono amplificati dal sistema di sussidi universali adottati nella gran parte di questi Paesi. Si pensi, per esempio, che Paesi come Egitto, Algeria, Libia e Libano devolvono circa il 10% del loro Pil a questi sussidi all’energia.

Negli ultimi due decenni la politica energetica dell’Europa verso il Mediterraneo ha mirato ad armonizzare le politiche energetiche e i quadri normativi della regione, al fine di creare un mercato allineato agli standard europei. Questo approccio regionalista non si è, tuttavia, dimostrato di successo. Progetti di larga scala come Desertec e il Piano solare mediterraneo sono falliti e anche a livello istituzionale non si sono certamente registrati passi avanti (si pensi solo al ruolo sempre meno rilevante giocato dall’Unione per il Mediterraneo).

Sulla base di queste esperienze l’Europa dovrebbe avviare una nuova politica energetica bilaterale nel Mediterraneo, focalizzata sul sostegno allo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica (unici fattori di sostenibilità) in selezionati Paesi della sponda sud.

Il modo migliore per avanzare questa politica sembra essere quello di abbandonare il tradizionale approccio regionalista, che oggi rivive nelle tre nuove “Piattaforme dell’energia” lanciate nel quadro dell’Unione per il Mediterraneo, in favore di un approccio più realistico, focalizzato sulle vere barriere che impediscono lo sviluppo di rinnovabili ed efficienza energetica nella regione. Nello specifico, l’Europa potrebbe promuovere la creazione di una serie di “Fondi per l’energia sostenibile” all’interno dell’istituzione finanziaria multilaterale con maggior potenziale nella regione: la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers). La Bers potrebbe creare questi fondi strutturandoli come schemi di partenariato pubblico-privato con il governo del Paese selezionato, le compagnie energetiche internazionali operanti nel Paese e gli investitori istituzionali interessati a effettuarvi investimenti di lungo termine.

Questi fondi potrebbero essere utili a incoraggiare gli investitori internazionali a entrare nel settore energetico sostenibile dei Paesi sud del Mediterraneo, non solo attraverso l’offerta di sistemi di garanzia capaci di coprire parte del rischio Paese, ma anche attraverso la costituzione di intese regolatorie su specifici progetti con il governo interessato. Inoltre rappresenterebbero una soluzione win-win per entrambe le sponde del Mediterraneo.

Se per i Paesi sud fare buon uso del proprio potenziale rinnovabile e di efficienza diverrà sempre più una questione vitale, per i Paesi nord tale prospettiva sarebbe interessante sia economicamente che politicamente. Considerando le fiacche prospettive del mercato energetico europeo, non c’è dubbio che investire in questa regione rappresenterebbe una preziosa opportunità commerciale per le compagnie energetiche europee. Inoltre, contribuire alla transizione energetica della sponda sud significa contribuire alla stabilità macroeconomica di questi Paesi, fondamentale precondizione per la stabilità politica regionale.

Dopo due decenni di fallimentari tentativi di cooperazione basati su un approccio regionalista, la creazione dei “Fondi per l’energia sostenibile” potrebbe rappresentare un primo passo verso l’instaurazione di un nuovo modello di cooperazione nell’area del Mediterraneo, potenzialmente espandibile in futuro anche ad altri settori dell’economia regionale.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint.

Due to copyright agreements we ask that you kindly email request to republish opinions that have appeared in print to communication@bruegel.org.

View comments
Read article More on this topic More by this author

Podcast

Podcast

Deep Focus: Renewing the clean energy strategy in the Mediterranean

In this episode of Deep Focus, Bruegel research fellow Simone Tagliapeitra explains how the nature of cross-Mediterranean energy relations needs to change, not only in line with new climate-change targets but also to meet the burgeoning energy demand outside Europe.

By: The Sound of Economics Topic: Energy & Climate Date: October 16, 2018
Read article Download PDF More on this topic More by this author

Policy Brief

The Euro-Mediterranean energy relationship: a fresh perspective

The author analyses the current renewable energy development in Southern Mediterranean countries (SMCs) and proposes a climate financing strategy that retreats from the Eurocentric approach. Not only will it allow the region to meet its energy demand sustainably, it will also benefit the EU, both in economic and political terms.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: October 16, 2018
Read about event

Past Event

Past Event

Policy responses for an EU-MENA shared future

In the third edition of the "Platform for Advanced & Emerging Economies Policy Dialogue" we will discuss trade flows and trade policy between Europe and MENA, integration of developing economies into global value chains, and regional energy relations.

Speakers: Karim El Aynaoui, Marek Dabrowski, Uri Dadush, Ignacio Garcia Bercero, Ettore Greco, Giuseppe Grimaldi, Badr Ikken, Joanna Konings, Said Moufti, Pier Carlo Padoan, Lia Quartapelle, Visar Sala, Nicolò Russo Perez, Nicolò Sartori, Simone Tagliapietra and Guntram B. Wolff Location: LUISS Business School Viale Pola, 12, 00198 Roma RM, Italy Date: October 11, 2018
Read article Download PDF More on this topic More by this author

External Publication

Electrification in sub-Saharan Africa: The role of international institutions

Bruegel fellow Simone Tagliapietra contributed to the new issue of the 'Oxford Energy Forum' with an article on the role of international and European financing institutions in fostering the electrification of Africa.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: September 11, 2018
Read article More on this topic

External Publication

Energy in Africa: Challenges and Opportunities

Bruegel fellow Simone Tagliapietra co-authored a new book on energy in Africa.

By: Manfred Hafner, Simone Tagliapietra and Lucia de Strasser Topic: Energy & Climate Date: September 5, 2018
Read article More on this topic More by this author

Blog Post

Ukraine: The struggle for reforms continues

The modernisation of the Ukrainian economy and state continues to develop at an unsatisfactory pace due to a lack of pro-reform political consensus. The two upcoming election campaigns in 2019 (presidential and parliamentary) make the reform process even slower and additionally put its effectiveness and sustainability under risk. The international community has a limited toolkit to overcome this stalemate.

By: Marek Dabrowski Topic: Global Economics & Governance Date: July 4, 2018
Read article

Parliamentary Testimony

European Parliament

Brexit and Energy Policy

Testimony before the European Parliament's Committee on Industry, Research and Energy

By: Simone Tagliapietra and Georg Zachmann Topic: Energy & Climate, European Parliament, Testimonies Date: May 28, 2018
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

Cleaning up Europe's transport sector: which strategies?

Over the last decade, EU’s greenhouse gas emissions have decreased significantly in all sectors with the only exception of transport. This sector is thus becoming a key obstacle to EU decarbonisation and more aggressive policies are needed to decarbonise it. This event discussed the potential strategies to structurally address this issue, also on the basis of Bruegel’s new policy proposal in the field.

Speakers: Maria Demertzis, Francesco Starace and Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 3, 2018
Read article More on this topic More by this author

Podcast

Podcast

Brexit consequences for EU climate and energy policy

Bruegel fellow Georg Zachmann joins Richard Tol, professor in the Department of Economics at the University of Sussex, and Pieter-Willem Lemmens, head of analysis at the climate policy think-tank Sandbag, for this episode of 'The Sound of Economics', to discuss the impact of Brexit on climate and energy policy in the European Union.

By: The Sound of Economics Topic: Energy & Climate Date: February 15, 2018
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

Impact of Brexit on the EU energy system

This meeting will build on Bruegel’s recent report for the European Parliament (link) and will consist of two sessions. The first session will discuss the impact of Brexit on the EU energy sector, with a special focus on the consequences of Brexit for the Irish energy system. The second session will look at the impact of Brexit in terms of […]

Speakers: Georg Zachmann, Richard Tol and Pieter-Willem Lemmens Topic: Energy & Climate Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: February 8, 2018
Read article More on this topic More by this author

Blog Post

EU budget: Expectations vs reality

The public's impressions of where money is spent in the European Union can often be wide of the mark. But whether this is a result of wishful thinking or just a lack of information remains unclear.

By: Yana Myachenkova Topic: European Macroeconomics & Governance Date: January 29, 2018
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

EU long term climate change strategy

This meeting, which will take place in Czestochowa, is part of the project “Developing the EU long-term climate strategy”.

Topic: Energy & Climate Location: Czestochowa, Poland Date: January 29, 2018
Load more posts