Opinion

Più energia alla cooperazione

L'attuale crisi migratoria e gli altri devastanti postumi delle cosiddette “Primavere arabe” illustrano in modo tragico, ma chiaro, la necessità di un nuovo approccio di cooperazione da parte dell’Europa nell’area del Mediterraneo. L’Europa deve urgentemente ripensare le proprie politiche nell’area, al fine di contribuire in modo concreto e sostenibile allo sviluppo economico dei Paesi sud: l’unico vero rimedio strutturale alle attuali problematiche.

By: Date: November 24, 2016 Topic: Energy & Climate

This op-ed was orginally published in Il Sole 24 Ore.

ilsole24ore

Da dove cominciare? Realismo vuole che il primo settore in cui si debba rafforzare la cooperazione sia quello in cui più elevati sono gli interessi di entrambi le parti: l’energia.

L’energia rappresenta più del 50% dell’export della sponda sud verso l’Europa e costituisce un settore chiave di cooperazione sia sotto il profilo economico che sotto quello geostrategico. Questo legame di interdipendenza si andrà quasi certamente rafforzando in futuro, sia grazie alle nuove scoperte di gas naturale avvenute nelle acque del Bacino levantino, sia grazie alle politiche europee di diversificazione degli approvvigionamenti energetici, che sempre più puntano sul Mediterraneo per ridurre la dipendenza del Vecchio continente dal gas naturale russo.

Oltre a questi fattori, bisogna poi considerare che la domanda di energia nei Paesi sud del Mediterraneo continuerà ad aumentare fortemente anche negli anni a venire, in virtù della forte espansione demografica, della crescita delle attività economiche e del progressivo processo di urbanizzazione.

La crescente domanda di energia rappresenta una sfida enorme per tutti i Paesi dell’area, dove i sistemi energetici continuano a essere quasi totalmente basati sugli idrocarburi. Si consideri, per esempio, che più dell’80% della produzione elettrica regionale continua a essere basata su gas, carbone e petrolio, mentre solare ed eolico contano per circa l’1% in aggregato. Su questa base, la crescente domanda di energia comporterà seri rischi macroeconomici ai Paesi importatori di idrocarburi, ma anche a quelli esportatori, dove crescenti stock di gas e petrolio dovranno essere destinati al mercato interno piuttosto che all’export. Tali rischi macroeconomici, infine, sono amplificati dal sistema di sussidi universali adottati nella gran parte di questi Paesi. Si pensi, per esempio, che Paesi come Egitto, Algeria, Libia e Libano devolvono circa il 10% del loro Pil a questi sussidi all’energia.

Negli ultimi due decenni la politica energetica dell’Europa verso il Mediterraneo ha mirato ad armonizzare le politiche energetiche e i quadri normativi della regione, al fine di creare un mercato allineato agli standard europei. Questo approccio regionalista non si è, tuttavia, dimostrato di successo. Progetti di larga scala come Desertec e il Piano solare mediterraneo sono falliti e anche a livello istituzionale non si sono certamente registrati passi avanti (si pensi solo al ruolo sempre meno rilevante giocato dall’Unione per il Mediterraneo).

Sulla base di queste esperienze l’Europa dovrebbe avviare una nuova politica energetica bilaterale nel Mediterraneo, focalizzata sul sostegno allo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica (unici fattori di sostenibilità) in selezionati Paesi della sponda sud.

Il modo migliore per avanzare questa politica sembra essere quello di abbandonare il tradizionale approccio regionalista, che oggi rivive nelle tre nuove “Piattaforme dell’energia” lanciate nel quadro dell’Unione per il Mediterraneo, in favore di un approccio più realistico, focalizzato sulle vere barriere che impediscono lo sviluppo di rinnovabili ed efficienza energetica nella regione. Nello specifico, l’Europa potrebbe promuovere la creazione di una serie di “Fondi per l’energia sostenibile” all’interno dell’istituzione finanziaria multilaterale con maggior potenziale nella regione: la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers). La Bers potrebbe creare questi fondi strutturandoli come schemi di partenariato pubblico-privato con il governo del Paese selezionato, le compagnie energetiche internazionali operanti nel Paese e gli investitori istituzionali interessati a effettuarvi investimenti di lungo termine.

Questi fondi potrebbero essere utili a incoraggiare gli investitori internazionali a entrare nel settore energetico sostenibile dei Paesi sud del Mediterraneo, non solo attraverso l’offerta di sistemi di garanzia capaci di coprire parte del rischio Paese, ma anche attraverso la costituzione di intese regolatorie su specifici progetti con il governo interessato. Inoltre rappresenterebbero una soluzione win-win per entrambe le sponde del Mediterraneo.

Se per i Paesi sud fare buon uso del proprio potenziale rinnovabile e di efficienza diverrà sempre più una questione vitale, per i Paesi nord tale prospettiva sarebbe interessante sia economicamente che politicamente. Considerando le fiacche prospettive del mercato energetico europeo, non c’è dubbio che investire in questa regione rappresenterebbe una preziosa opportunità commerciale per le compagnie energetiche europee. Inoltre, contribuire alla transizione energetica della sponda sud significa contribuire alla stabilità macroeconomica di questi Paesi, fondamentale precondizione per la stabilità politica regionale.

Dopo due decenni di fallimentari tentativi di cooperazione basati su un approccio regionalista, la creazione dei “Fondi per l’energia sostenibile” potrebbe rappresentare un primo passo verso l’instaurazione di un nuovo modello di cooperazione nell’area del Mediterraneo, potenzialmente espandibile in futuro anche ad altri settori dell’economia regionale.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint.

Due to copyright agreements we ask that you kindly email request to republish opinions that have appeared in print to communication@bruegel.org.

View comments
Read article More on this topic More by this author

Opinion

Nord Stream 2 means gains for Germany but pain for Europe

The proposed Nord Stream 2 pipeline could destabilise European energy cooperation and offer Gazprom excessive influence in Central and Eastern Europe. These disadvantages do not justify the commercial benefits for German companies.

By: Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Date: June 23, 2017
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

Renewing the 2050 Roadmap

The objective of this brainstorm session is to explore how we can improve the quality and the impact of the revisited 2050 Roadmap, set the agenda for revising it, increase ownership of it and analyze the methodological basis of the 2050 Roadmap.

Speakers: Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: June 22, 2017
Read article More on this topic More by this author

Blog Post

Lights on, Africa! Europe must coordinate support for electrification

Patchy access to electricity remains a major challenge for sub-Saharan Africa's economic development. The EU and its member states have many programmes to support electrification in Africa, but fragmentation reduces their impact. A single platform for European support would provide the necessary coordination and leverage.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: June 20, 2017
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

Future of the European energy industry

Closed-door brainstorming workshop about how the European energy system is changing because of decarbonisation and digitalisation.

Speakers: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Location: Milan Date: June 14, 2017
Read article More on this topic More by this author

Opinion

Nord Stream 2 can wait

Gazprom is pushing ahead with plans to build a second gas pipeline under the Baltic sea, straight form Russia to Germany. Supporters claim that Ukraine cannot be relied on as a transit partner, and that Europe will need more gas in the future. Georg Zachmann is unconvinced, and argues that the project should wait.

By: Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Date: June 13, 2017
Read article Download PDF More on this topic More by this author

Policy Contribution

Electrifying Africa: how to make Europe’s contribution count

Electrification is one of sub-Saharan Africa’s most pressing socio-economic challenges. Europe has created a myriad of fragmented initiatives to promote electrification in sub-Saharan Africa, limiting their efficacy. This sub-optimal situation should be changed by coordinating the initiatives of European institutions and EU countries through a unique platform: the EU Electrify Africa Hotspot.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: June 8, 2017
Read article More by this author

Opinion

Is the EastMed gas pipeline just another EU pipe dream?

Is the EastMed pipeline really a feasible project? The answer to this question is not simple, but the EastMed plan sounds unconvincing.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: May 10, 2017
Read article More on this topic More by this author

Blog Post

Global decarbonisation: a wake-up call for the Middle East and North Africa

Many countries in the MENA region are heavily dependent on oil and gas for exports and taxes. But global decarbonisation could undermine revenues, even though MENA exports are globally competitive. This threatens the MENA region's social contract, so economic diversification needs to start now.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: April 11, 2017
Read article Download PDF More on this topic More by this author

Working Paper

The political economy of Middle East and North Africa oil exporters in times of global decarbonisation

Middle East and North Africa (MENA) oil exporting countries are still not adequately equipped to prosper in a decarbonising world. Decarbonisation should therefore represent an incentive for MENA oil exporters to pursue structural processes of transition from rentier to production states.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: April 11, 2017
Read article Download PDF More by this author

Parliamentary Testimony

Interdependence in difficult times

This presentation was delivered in Malta at the Western Mediterranean Forum, commonly referred to as 5+5 Dialogue, was officially launched in Rome in 1990 as an informal sub-regional forum which main aim was to foster relations between European countries and the newly born Arab Maghreb Union. The 5+5 Dialogue comprises Algeria, France, Italy, Libya, Malta, Mauritania, Morocco, Portugal, Spain and Tunisia.

By: Uri Dadush Topic: Testimonies Date: April 10, 2017
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

Towards EU-MENA shared prosperity

The second edition of the "Platform for Advanced & Emerging Economies Policy Dialogue" will discuss global supply chains, energy and security.

Speakers: Abdelhak Bassou, Jean-Francois Dauphin, Maria Demertzis, Karim El Aynaoui, Larbi Jaidi, Marion Jansen, Giacomo Luciani, Rania Al-Mashat, Iverna McGowan, Jolana Mungengová, Francis Perrin, Francesco Presicce, Simone Tagliapietra, Valeria Talbot and Guntram B. Wolff Topic: Global Economics & Governance Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: April 10, 2017
Read article Download PDF More on this topic

Policy Contribution

Europe’s role in North Africa: development, investment and migration

The authors of this Policy Contribution propose five ways in which EU policymakers can contribute to development in North Africa and build partnerships on trade, investment and migration.

By: Uri Dadush, Maria Demertzis and Guntram B. Wolff Topic: Global Economics & Governance Date: April 8, 2017
Load more posts