Opinion

Più energia alla cooperazione

L'attuale crisi migratoria e gli altri devastanti postumi delle cosiddette “Primavere arabe” illustrano in modo tragico, ma chiaro, la necessità di un nuovo approccio di cooperazione da parte dell’Europa nell’area del Mediterraneo. L’Europa deve urgentemente ripensare le proprie politiche nell’area, al fine di contribuire in modo concreto e sostenibile allo sviluppo economico dei Paesi sud: l’unico vero rimedio strutturale alle attuali problematiche.

By: Date: November 24, 2016 Topic: Energy & Climate

This op-ed was orginally published in Il Sole 24 Ore.

ilsole24ore

Da dove cominciare? Realismo vuole che il primo settore in cui si debba rafforzare la cooperazione sia quello in cui più elevati sono gli interessi di entrambi le parti: l’energia.

L’energia rappresenta più del 50% dell’export della sponda sud verso l’Europa e costituisce un settore chiave di cooperazione sia sotto il profilo economico che sotto quello geostrategico. Questo legame di interdipendenza si andrà quasi certamente rafforzando in futuro, sia grazie alle nuove scoperte di gas naturale avvenute nelle acque del Bacino levantino, sia grazie alle politiche europee di diversificazione degli approvvigionamenti energetici, che sempre più puntano sul Mediterraneo per ridurre la dipendenza del Vecchio continente dal gas naturale russo.

Oltre a questi fattori, bisogna poi considerare che la domanda di energia nei Paesi sud del Mediterraneo continuerà ad aumentare fortemente anche negli anni a venire, in virtù della forte espansione demografica, della crescita delle attività economiche e del progressivo processo di urbanizzazione.

La crescente domanda di energia rappresenta una sfida enorme per tutti i Paesi dell’area, dove i sistemi energetici continuano a essere quasi totalmente basati sugli idrocarburi. Si consideri, per esempio, che più dell’80% della produzione elettrica regionale continua a essere basata su gas, carbone e petrolio, mentre solare ed eolico contano per circa l’1% in aggregato. Su questa base, la crescente domanda di energia comporterà seri rischi macroeconomici ai Paesi importatori di idrocarburi, ma anche a quelli esportatori, dove crescenti stock di gas e petrolio dovranno essere destinati al mercato interno piuttosto che all’export. Tali rischi macroeconomici, infine, sono amplificati dal sistema di sussidi universali adottati nella gran parte di questi Paesi. Si pensi, per esempio, che Paesi come Egitto, Algeria, Libia e Libano devolvono circa il 10% del loro Pil a questi sussidi all’energia.

Negli ultimi due decenni la politica energetica dell’Europa verso il Mediterraneo ha mirato ad armonizzare le politiche energetiche e i quadri normativi della regione, al fine di creare un mercato allineato agli standard europei. Questo approccio regionalista non si è, tuttavia, dimostrato di successo. Progetti di larga scala come Desertec e il Piano solare mediterraneo sono falliti e anche a livello istituzionale non si sono certamente registrati passi avanti (si pensi solo al ruolo sempre meno rilevante giocato dall’Unione per il Mediterraneo).

Sulla base di queste esperienze l’Europa dovrebbe avviare una nuova politica energetica bilaterale nel Mediterraneo, focalizzata sul sostegno allo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica (unici fattori di sostenibilità) in selezionati Paesi della sponda sud.

Il modo migliore per avanzare questa politica sembra essere quello di abbandonare il tradizionale approccio regionalista, che oggi rivive nelle tre nuove “Piattaforme dell’energia” lanciate nel quadro dell’Unione per il Mediterraneo, in favore di un approccio più realistico, focalizzato sulle vere barriere che impediscono lo sviluppo di rinnovabili ed efficienza energetica nella regione. Nello specifico, l’Europa potrebbe promuovere la creazione di una serie di “Fondi per l’energia sostenibile” all’interno dell’istituzione finanziaria multilaterale con maggior potenziale nella regione: la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers). La Bers potrebbe creare questi fondi strutturandoli come schemi di partenariato pubblico-privato con il governo del Paese selezionato, le compagnie energetiche internazionali operanti nel Paese e gli investitori istituzionali interessati a effettuarvi investimenti di lungo termine.

Questi fondi potrebbero essere utili a incoraggiare gli investitori internazionali a entrare nel settore energetico sostenibile dei Paesi sud del Mediterraneo, non solo attraverso l’offerta di sistemi di garanzia capaci di coprire parte del rischio Paese, ma anche attraverso la costituzione di intese regolatorie su specifici progetti con il governo interessato. Inoltre rappresenterebbero una soluzione win-win per entrambe le sponde del Mediterraneo.

Se per i Paesi sud fare buon uso del proprio potenziale rinnovabile e di efficienza diverrà sempre più una questione vitale, per i Paesi nord tale prospettiva sarebbe interessante sia economicamente che politicamente. Considerando le fiacche prospettive del mercato energetico europeo, non c’è dubbio che investire in questa regione rappresenterebbe una preziosa opportunità commerciale per le compagnie energetiche europee. Inoltre, contribuire alla transizione energetica della sponda sud significa contribuire alla stabilità macroeconomica di questi Paesi, fondamentale precondizione per la stabilità politica regionale.

Dopo due decenni di fallimentari tentativi di cooperazione basati su un approccio regionalista, la creazione dei “Fondi per l’energia sostenibile” potrebbe rappresentare un primo passo verso l’instaurazione di un nuovo modello di cooperazione nell’area del Mediterraneo, potenzialmente espandibile in futuro anche ad altri settori dell’economia regionale.


Republishing and referencing

Bruegel considers itself a public good and takes no institutional standpoint.

Due to copyright agreements we ask that you kindly email request to republish opinions that have appeared in print to communication@bruegel.org.

View comments
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

How do national energy policies fit into EU decarbonisation plans?

Through considering several different national perspectives, we discuss how to reconcile the EU Climate Strategy targets with national energy and climate policies.

Speakers: Aleksandra Gawlikowska-Fyk, Christian von Hirschhausen, Carole Mathieu and Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: May 15, 2019
Read about event More on this topic

Upcoming Event

Jun
5
11:00

Ahead of 2020: socio-economic implications of NDCs

The event is a policy dialogue organised under the project, ‘COP21: Results and Implications for Pathways and Policies for Low Emissions European Societies’. The COP21 outcome represents an important new strategic context for EU climate policy. Analysing the implications of this new context requires an interdisciplinary approach, combining analysis of the evolution of the international […]

Speakers: Michel Colombier, Teresa Ribera, Artur Runge-Metzger, Henri Waisman and Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels
Read article Download PDF More on this topic

Working Paper

Estimating the cost of capital for wind energy investments in Turkey

Wind power represents a key component of Turkey’s national energy strategy. Based on data collected on 138 installations in the country, this paper provides an estimation of wind power’s cost of capital in Turkey. This analysis finds that the cost of capital for wind power in Turkey compares with the one of South-east European countries. On this basis, continued governmental commitment to current support schemes for wind power must be considered as crucial to further promote wind power deployment in the country, even if the recent devaluation of the Turkish lira raises the feed-in-tariffs cost for the government.

By: Gustav Fredriksson, Simone Tagliapietra and Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Date: May 7, 2019
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

A new climate strategy for the EU

At a pivotal point in time, three major EU sides come together to discuss the future climate strategy.

Speakers: Silke Karcher, Andrei Marcu, Raffaele Mauro Petriccione, Kathleen Van Brempt and Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: March 19, 2019
Read article More on this topic More by this author

Opinion

An opportunity for natural gas in the eastern Mediterranean

After a decade of false starts, producers should grab the chance to co-operate as exporters.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate Date: March 12, 2019
Read article More by this author

Podcast

Podcast

Backstage: The next decade of European energy transition

This episode of 'The Sound of Economics' features Bruegel research fellow Simone Tagliapietra in conversation with Sir Philip Lowe and Alberto Pototschnig about the progress of the European energy transition as we prepare to enter the third decade of the 21st century.

By: The Sound of Economics Topic: Energy & Climate, European Macroeconomics & Governance Date: February 26, 2019
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

The European Energy Transition: A year ahead of the Twenties

This event will look at the most important issues related to energy for the next few years. The event will coincide with the launch of a book and online course on this topic.

Speakers: Klaus-Dieter Borchardt, Dirk Buschle, Alicia Carrasco, Olivier Corradi, Jos Delbeke, Rémy Garaude-Verdier, Dolf Gielen, Jean-Michel Glachant, Pascal Lamy, Philip Lowe, Susanne Nies, Alberto Pototschnig, Laurent Schmitt and Georg Zachmann Topic: Energy & Climate Location: Bruegel, Rue de la Charité 33, 1210 Brussels Date: February 19, 2019
Read article More on this topic More by this author

Blog Post

How the EU could transform the energy market: The case for a euro crude-oil benchmark

There is a strong case for an oil benchmark in euros. Trading energy markets in more than one currency is not unprecedented, and indeed used to be the norm. Europe – with its powerful currency and reliable regulatory environment – should stand a good chance of success.

By: Elina Ribakova Topic: Energy & Climate Date: February 13, 2019
Read about event More on this topic

Past Event

Past Event

EU-Turkey energy and climate dialogues 2019

What is the cost of capital for wind energy investments in Turkey?

Speakers: Massimo d`Eufemia, Gustav Fredriksson, Can Hakyemez, Pelin Oğuz, Canan Ozsoy, James Rizzo, Umit Sahin, Simone Tagliapietra and Mehmet Erdem Yasar Topic: Energy & Climate Location: Istanbul Policy Center, Bereketzade Mahallesi, Bankalar Cd. No:2, 34421 Beyoğlu/İstanbul, Turkey Date: January 17, 2019
Read article More by this author

Opinion

The UN climate conference in Katowice: A message from the European capital of coal

Following the COP24 climate talks in Poland, Simone Tagliapietra reviews the arguments for and challenges to decarbonisation.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate, Global Economics & Governance Date: December 12, 2018
Read article More by this author

Blog Post

Economic policy challenges in Southern and Eastern Mediterranean

For a long time, southern and eastern Mediterranean countries struggled with serious socio-economic challenges and dysfunctional economic systems and policies. Marek Dabrowski reviews the challenges the region has to face to get out of a low growth trap.

By: Marek Dabrowski Topic: Global Economics & Governance Date: December 11, 2018
Read article Download PDF More by this author

External Publication

A new strategy for EU-Turkey energy cooperation

Cooperation over energy and climate issues could be one of the components of the EU-Turkey Positive Agenda. Simone Tagliapietra proposes a new strategy for EU-Turkey energy cooperation, which envisions a shift of focus from gas and electricity to fields such as renewables and nuclear energy.

By: Simone Tagliapietra Topic: Energy & Climate, Global Economics & Governance Date: December 5, 2018
Load more posts